Cerca
Fotografia dell'interno di un edificio con vetrate Fotografia dell'interno di un edificio con vetrate
leggi tutte le news

Collaborazione tra LIA e Börsenverein, associazione degli editori tedeschi

Novità

Sarà tradotto e distribuito in Germania il paper “E-books for all. Towards an accessible digital publishing ecosystem” di Fondazione LIA – Libri Italiani Accessibili. L’iniziativa nasce da un accordo tra Fondazione LIA e l’associazione di categoria degli editori e dei librai tedeschi Börsenverein e il German Centre for Accessible Reading (dzb lesen), importante centro per la promozione della lettura per persone con disabilità.

La collaborazione si inserisce all’interno di un progetto più ampio portato avanti da Börsenverein e dzb lesen per aumentare la consapevolezza dell’industria editoriale tedesca rispetto al tema dell’accessibilità: nel 2025, infatti, entrerà in vigore l’European Accessibility Act che richiederà che tutta la filiera editoriale digitale sia accessibile. L’associazione affronterà questo nuovo obiettivo di rendere fruibili i contenuti per tutti con «entusiasmo e impegno». Alexander Skipis, Managing Director di Börsenverein, si è detto lieto di intraprendere questo percorso «con partner così esperti come Fondazione LIA e dbz lesen. Questa collaborazione mette le basi per poter fare dei passi importanti e sostenibili nei prossimi cinque anni».

L’obiettivo principale è quello, entro il 2025, di pubblicare anche in Germania e-book accessibili per persone con disabilità visiva e alla carta stampata, in un percorso in un certo senso sulla scia dell’esempio italiano: dalla sua creazione Fondazione LIA ha lavorato a fianco di 76 case editrici italiane per la realizzazione e la continua crescita del catalogo libriitalianiaccessibili.it, che ora conta più di 26 mila titoli.

La collaborazione di LIA con Börsenverein e dzb lesen è segno di come in Europa si stia creando una sensibilità nuova attorno al tema dell’accessibilità e del diritto alla lettura da parte di tutti. Ma «per fare realmente la differenza sono necessarie collaborazioni e sinergie di questo tipo tra realtà di diversi Paesi» ha sottolineato Mario Barbuto, Presidente di Fondazione LIA.

“E-books for all”

Il documento nasce dall’esperienza internazionale che Fondazione LIA ha maturato negli anni all’interno di tavoli di lavoro e gruppi di studio sugli standard dei formati, delle soluzioni di lettura e dei metadati per l’accessibilità.

E-books for all, pubblicato in inglese a novembre del 2019, fornisce indicazioni utili a tutte le realtà interessate a far parte dell’ecosistema editoriale digitale accessibile in linea con quanto richiesto dalla nuova direttiva. Approfondisce inoltre i ruoli e le responsabilità dei produttori di contenuti, distributori, store online e sviluppatori di soluzioni di lettura: «L’esperienza italiana di LIA può costituire un esempio veramente utile per gli altri Paesi in tema di accessibilità – ha sottolineato il Presidente di AIE, Ricardo Franco Levi. Lo dimostra questo white paper, grazie al quale gli editori tedeschi e tutti gli attori della filiera potranno avere fin d’ora un panorama completo delle nuove normative internazionali ed europee e dell’impatto che queste avranno sul settore editoriale».