A scuola di lettura digitale accessibile. A Milano un corso per ragazzi con disabilità visiva

Fotografia di due ragazze che guardano uno smartphone

La prossima sarà una settimana all’insegna della formazione alla lettura digitale accessibile. Un corso in tre moduli che si terranno il 17, 19 e 21 giugno presso l’Istituto dei Ciechi di Milano e rivolto specificamente a una fascia della popolazione particolarmente sensibile alla tecnologia ma anche alla lettura: i ragazzi che frequentano scuole secondarie di primo e di secondo grado.

Alcuni formatori, esperti di tecnologie assistive e di accessibilità di Fondazione LIA e dell’Istituto dei Ciechi di Milano, passo per passo illustreranno le potenzialità della lettura digitale e le principali soluzioni che permettono di leggere a chi ha una disabilità visiva, con consigli su misura a seconda delle specifiche esigenze e bisogni.

Il corso, a cui parteciperanno ragazzi di età compresa tra i 12 e i 19 anni sia non vedenti che ipovedenti, prevede un momento introduttivo di teoria e di confronto tra i partecipanti, a cui seguiranno delle ore di taglio laboratoriale, in cui mettere in pratica concretamente le nozioni apprese e sperimentare in prima persona la lettura digitale accessibile.

Queste attività formative si inseriscono all’interno del progetto MiCA – Milano per la Cultura Accessibile, attraverso cui Fondazione LIA sta proponendo in questi mesi una serie di attività  mirate a promuovere l’editoria accessibile e l’inclusione socio-culturale nella città di Milano. MiCA è stato realizzato grazie al contributo di Fondazione Cariplo e in partnership con l’Istituto dei Ciechi di Milano, con il sostegno di AIE – Associazione Italiana Editori, UICI – Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, MLOL - MediaLibraryOnLine, Fondazione Mondadori, Federazione Nazionale delle Istituzioni Pro Ciechi ONLUS, FEP – Federation of European Publishers, DAISY Consortium.