Fondazione LIA tra i finalisti 2020 dell’International Excellence Award per l'editoria accessibile

Fotografia del mezzo busto di un uomo che utilizza uno smartphone

È stata resa nota la short list di finalisti di quest’anno dell’International Excellence Award for Accessible Publishing, premio arrivato col 2020 alla sua sesta edizione e promosso dall’ABC - Accessible Books Consortium, organizzazione internazionale stakeholder che rappresenta editori e autori e che lavora per aumentare le disponibilità di contenuti editoriali accessibili, in partnership con la Publishers Association.

A selezionare i finalisti una giuria di autori ed editori, persone con disabilità visive e organizzazioni di categoria, e ovviamente esperti di accessibilità. I candidati sono scelti in base al ruolo di leadership e ai risultati ottenuti nel comune obiettivo di migliorare l’accessibilità degli e-book e delle digital publication, in modo da facilitarne la fruizione e l’accesso a persone con disabilità visiva, dislessia, o altri tipi di disabilità alla carta stampata.

I nomi dei vincitori saranno annunciati durante la cerimonia del 10 marzo (ore 18.00) alla London Book Fair.

 

La rosa dei finalisti

 

Per la categoria degli Editori sono stati nominati:

  • Ediciones Godot – Argentina;
  • House of Anansi Press – Canada;
  • Macmillan Learning – Stati Uniti;

 

Tra i Progetti e iniziative internazionali questa la rosa di candidati: 

  • Fondazione LIA – Italia;
  • EIFL - Electronic Information for Libraries – Lituania;
  • Kalimat Foundation for Children Empowerment - Emirati Arabi Uniti.

 

Fondazione LIA è orgogliosa di essere stata selezionata insieme ad altre realtà internazionali che perseguono il medesimo obiettivo di rendere ovunque l’editoria e la cultura sempre più accessibili per tutti. Si tratta della terza nomination al premio, dopo quelle alle edizioni 2015 e 2019.