Buone feste da Fondazione LIA

Carissimi,
è trascorso un altro anno di Fondazione LIA, un 2016 intenso e ricco di esperienze che ci hanno fatto crescere e ci hanno donato storie nuove da condividere e raccontare.
 
Negli ultimi dodici mesi abbiamo avviato nuove collaborazioni internazionali - con WIPO, l'Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale e con il Publications Office dell'Unione Europea, per i quali abbiamo ideato e svolto progetti di consulenza e formazione per metterli in condizione di realizzare in autonomia prodotti editoriali digitali accessibili - e consolidato collaborazioni preesistenti – come quella con il gruppo Intesa Sanpaolo, ormai giunta al terzo anno consecutivo.
 
Grazie al contributo di Fondazione Cariplo, abbiamo realizzato un progetto che ci è rimasto nel cuore, In-Formazione, che ci ha permesso di formare oltre 50 lettori con disabilità visive alla lettura di ebook accessibili con smartphone e tablet. Preziosa la collaborazione di MediaLibraryOnLine, che ha curato la sezione sul prestito bibliotecario digitale.
 
Anche quest'anno siamo stati presenti a BookCity, con il Reading al buio Leggere con mani e voce, organizzato con la collaborazione dell’Istituto dei Ciechi di Milano, a cui hanno partecipato i lettori Elisabetta Corradin e Manuele Bravi e gli autori Gianni Biondillo, Antonio Manzini e Michela Murgia. E per BookCity scuole, con il supporto della Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori, al Laboratorio Formentini per l'Editoria, altri due Reading al buio, con gli autori Cecilia Randall e Giuseppe Festa e con il nostro collaboratore “storico” Antonino Cotroneo.
 
Il nostro contributo alla definizione degli standard internazionali per l‘accessibilità non si è fermato: abbiamo continuato a collaborare con il DAISY Consortium e il BISG – Book Industry Study Group, alla valutazione dell’accessibilità delle soluzioni di lettura digitale, partecipato attivamente ai gruppi di lavoro sull’accessibilità dell’IDPF – International Digital Publishing Forum e della Readium Foundation e del NEM – New European Media Initiative, presentato le nostre attività in numerose conferenze internazionali, tra cui l’EPUB Summit a Bordeaux e Take Part a Stoccolma.
 
Nel frattempo, stiamo guardando al futuro, pensando a nuove iniziative da realizzare e a nuove sfide da affrontare: abbiamo presentato tre progetti che potrebbero permetterci, in caso di approvazione, di svolgere altri corsi di formazione alla lettura digitale accessibile con smartphone e tablet e di sperimentare nuove forme di inclusione.
 
Un particolare e sentito ringraziamento va all’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, che ci ha sempre sostenuto nelle nostre iniziative e anche di recente invitato a partecipare al suo incontro Facciamoci Vedere e ai 68 marchi editoriali che, grazie alla loro preziosa e costante collaborazione, ci hanno permesso di continuare ad arricchire il catalogo degli e-book accessibili, consultabile su www.libriitalianiaccessibili.it, che oggi offre più di 15.000 titoli.
 
Con l’augurio di un felice Natale e di un 2017 ricco di soddisfazioni, vi diamo appuntamento al nuovo anno.
 
Il Team di Fondazione LIA!