Acce(n)di un libro

"Accendi" un libro insieme a noi!

“Accendi un libro” è la campagna ideata da LIA per far crescere il catalogo di libri accessibili e sostenere nuovi progetti di promozione della lettura.

"Accendere" un libro con i colori

"Accendere" un libro significa renderlo evidente e visibile contribuendo ad aumentare le possibilità che esso rientri, laddove ce ne siano le condizioni, nel catalogo degli e-book LIA.
Vi chiediamo di "accendere" un libro perché tutti possano avere l’opportunità di accedere ad esso, riempiendo di colore e colori l’immaginazione di chi lo legge.
I colori possono essere invisibili agli occhi, ma non all’immaginazione, così come le parole di un libro sono lette con la mente, il cuore, l'anima oltre che con gli occhi.
Leggere, infatti, "accende" creatività e fantasia e ci rende tutti ugualmente diversi. Non vedere significa poter immaginare e per un non vedente un colore può avere una trama, una materia, una qualità musicale proprio come un libro.

Come "Accendere" un libro

Tu puoi aiutarci ad "accendere" un libro con due piccoli gesti creativi:

1) Indicaci il tuo libro preferito, quello che ti ha ispirato, che ti ha emozionato, il libro che ritieni possa cambiare la vita di altri come ha cambiato la tua, e raccontaci la "vostra" storia: come lo hai scoperto, cosa ti ha regalato, come e perché è diventato parte della tua vita. In questo modo suggerisci a Fondazione LIA i titoli che vorresti fossero resi accessibili per i lettori non vedenti e ipovedenti, per permettere a tutti - ma proprio tutti - di vivere la loro storia legata a quel libro. E con il tuo consenso "useremo" la storia che vorrai raccontarci per ispirarne tante altre, rendendola pubblica e "visibile". Partecipa alla campagna compilando il form online con il tuo nome, il titolo del libro che desideri “accendere”, la storia che ti lega a quel libro e il consenso alla pubblicazione.

2) Dona a sostegno della campagna "Accendi un libro" durante i nostri eventi o facendo una donazione online. Riceverai via posta un kit di sette segnalibri che rappresenano la traduzione artistica e creativa dei sette punti programmatici del nostro manifesto, sette piccole ma importanti opere d'arte a cura di Streamcolors, una giovane ‘officina creativa’ che fa del colore la sua missione.

Acce(n)di il tuo libro

al trattamento dei miei dati personali per le predette finalità.

Non fermarti proprio adesso: il tuo aiuto è essenziale! Dona a sostegno della campagna e ricevi a casa il kit dei nostri segnalibri!

Effettuerai la donazione tramite Logo PayPal

Lavoriamo per rendere la cultura sempre più accessibile

Il nostro catalogo conta oltre 8.000 e-book accessibili e cresce continuamente con 450 titoli mese e grazie al lavoro e alla passione di tante persone.
Proprio come il diritto alla mobilità rimanda subito alla disabilità motoria, quando si parla di diritto alla cultura è inevitabile che il pensiero vada ai disabili sensoriali. Sempre più spesso, ormai, ricorre la parola ‘accessibilità’ e le iniziative culturali si moltiplicano: “Vedere con le mani per conoscere l’arte” è un progetto che mette in rete i musei torinesi e li rende accessibili a non vedenti e ipovedenti attraverso un percorsi tattili; il progetto “Gli Occhi delle Dita” è un laboratorio di arte e scultura per persone cieche e ipovedenti e molti altri se ne potrebbero citare.
Noi di Fondazione LIA ci occupiamo di rendere la lettura accessibile garantendo che gli e-book siano per tutti perché, come recita il nostro manifesto, ‘leggere è un diritto senza distinzioni’ e ‘tutti hanno il diritto di leggere per sapere, crescere ed evolvere’.

Il tuo aiuto è essenziale!

Grazie al tuo aiuto il catalogo diventerà sempre più ricco e accessibile per le persone non vedenti e ipovedenti che potranno scegliere come, quando e cosa leggere come tutti.

Un ringraziamento speciale agli Streamcolors per la realizzazione del concept grafico e ad Handy System per la stampa Braille dei nostri segnalibri.

Puoi sostenerci in molti modi, per scoprire quali visita la pagina ‘Sostienici’ oppure contattaci