Valori

Innovazione Sociale

L’intuizione che ha guidato la nascita della Fondazione LIA è stata quella di realizzare un progetto di innovazione sociale con una spiccata dimensione collettiva, non appartenente solo al know how e alla creatività di un singolo attore,  capace di sviluppare un’idea originale sino a trasformarla in pratica diffusa.

L’impegno nella costituzione della Fondazione è coinciso con la volontà di produrre un uso ottimale di risorse, pubbliche e private, per il conseguimento di un risultato sociale ampio. In pratica, la dimostrazione che LIA funziona meglio delle soluzioni esistenti e genera valore per la società. La sua sostenibilità riguarda un requisito essenziale e tipico dell’innovazione sociale, che la distingue dalle pratiche tradizionali: la capacità di “stare sul mercato” e di finanziarsi non solo grazie agli importanti contributi pubblici e privati, ma anche attraverso i ricavi generati dalle proprie attività .

Responsabilità sociale d’impresa

La Fondazione si fonda su un principio d’innovazione sociale a base culturale promosso dagli editori, che per primi hanno deciso di investire risorse ed energie modificando i processi produttivi con cui vengono tradizionalmente realizzati gli e-book.

Tale principio può essere esteso anche a tutte quelle realtà pubbliche e private che intendono impegnarsi nella messa a disposizione di contenuti accessibili.

Design thinking: dalla parte dell’utente

Le attività della Fondazione si fondano su una metodologia progettuale che si avvale di quattro fondamentali passaggi: ricerca, definizione, sviluppo, delivery.

Per la Fondazione, infatti, è importante capire e condividere come si arriva all’ideazione di un progetto, come ci si avvicina a soluzioni calibrate e a decisioni strategiche che mettano l’utente al centro.

Due esempi sono le ricerche compiute nella fase di avvio del progetto LIA:

  • l’indagine conoscitiva sulle modalità di lettura dei non vedenti e degli ipovedenti e sul loro rapporto con le tecnologie, condotta con Doxa e Università degli Studi di Milano-Bicocca e in collaborazione con l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, e la Conferenza Nazionale Universitaria dei Delegati per le Disabilità (CNUDD);
  • la ricognizione dei flussi produttivi editoriali che ha offerto i dati essenziali per mappare e poter reinterpretare i meccanismi della filiera editoriale, condotta in collaborazione con Cefriel, Centro di ricerca e formazione nel settore ICT legato al Politecnico di Milano.

Fare sistema

LIA ha ripensato la filiera editoriale in funzione dell’accessibilità, ponendosi come un facilitatore e un attivatore di sinergie tra i differenti stakeholder, che a diverso titolo (know-how, risorse, tecnologia, relazioni ecc.), intervengono nel processo di ideazione, produzione e distribuzione degli e-book.

Funzionalità: estendere il cambiamento

Nato come un progetto di sistema promosso dal mondo editoriale, LIA è aperto al management e alle esigenze di realtà diverse. La metodologia e la visione impiegate sono coerenti con un’applicazione estesa dei suoi principi, come testimoniano i molti progetti di collaborazione che nascono a corollario delle attività della Fondazione.

I princìpi della Fondazione LIA

  • LIA si basa sul concetto di innovazione sociale: è un servizio capace di “stare sul mercato”, con una spiccata dimensione collettiva, frutto del know how e della capacità di partire da un’idea originale e di svilupparla sino a trasformarla in pratica diffusa (risultato).
  • LIA è espressione della responsabilità sociale d’impresa degli editori e di tutte quelle realtà che intendono impegnarsi nella messa a disposizione di contenuti accessibili.
  • LIA ritiene fondamentale capire e condividere come si arriva all’ideazione di un progetto, come ci si avvicina a soluzioni calibrate e a decisioni strategiche che mettano l’utente al centro.
  • LIA è capace di fare sistema, ponendosi come un facilitatore e un attivatore di sinergie tra i differenti stakeholder che, a diverso titolo (know-how, risorse, tecnologia, relazioni etc.), intervengono nel processo di ideazione produzione, distribuzione degli e-book.

    La metodologia e la visione di LIA permettono un’applicazione scalabile dei suoi principi.